Arriva la visita “sospesa” per chi non può permettersi le cure