“C’è tempo per gli altri”, la prevenzione arriva nei luoghi pubblici