Cura “sospesa” come il caffè